La moda degli ultimi anni: fare stories alla guida. E’ legale? Come fermare queste persone?

Video e foto in macchina mentre si guida è pericolosissimo, non solo per se stessi, ma anche e soprattutto per gli altri.

Passo la maggior parte del tempo sui social (è il mio lavoro) e mi rendo conto di quanto questa pratica stia sfuggendo di mano a molti, soprattutto a persone influenti che dovrebbero evitare di mandare messaggi così sbagliati ai propri followers. Perché sì, ognuno è libero di fare quello che vuole sui propri profili, ma penso che si abbia anche una responsabilità quando si è influencer.

E NON MI VENITE A DIRE: “EH MA IO STO ATTENDO, LA GUARDO LA STRADA”, “MA CHE PALLE FATTI I CAZ*I TUOI”.

Tesoro mio, se non ti metti la cintura o il casco perché ti senti un Dio sceso in terra va bene, sono fatti tuoi, ma ti assicuro che se tu non presti attenzione alla guida SONO CAZ*I MIEI, MA PROPRIO DI TUTTI GUARDA!

Non sono una persona pesante in linea di massima, seguo la filosofia del “vivi e lascia vivere”, quindi se eviti di rompermi le scatole io farò finta che tu non esista, questo metodo funziona benissimo.

Ma vi assicuro una cosa: se aveste perso una persona al volante, per colpa della disattenzione di altri, anche voi la pensereste così.

Non si tratta di non saper guidare, si tratta di una possibile distrazione di un attimo che potrebbe sfociare in una tragedia.

Sono molto sensibile quando si parla di questo argomento e la questione mi sta particolarmente a cuore, a costo di sembrare una scassapal*e IO CI METTO LA FACCIA, SARO’ IMPOPOLARE TRA LE MIE COLLEGHE FESCION BLOGGER, ma questa moda delle stories alla guida D E V E F I N I R E perché siete un pericolo!

Ma le posso vedere io quelle di Uomini & Donne con milioni di followers che si fanno tre ore di chiacchierate nelle stories prestando più attenzione ai propri capelli piuttosto che alla strada? Ma non vi viene in nervoso?

E quelli che hanno i bambini buttati lì dietro in macchina, li riprendono, si fanno giusto 34, 35 stories per raccontare la loro giornata che proprio uh uh non potevamo vivere senza sapere quanto siete dimagrite bevendo FitVia e tutto normale, normalissimo, no?
Poveri bambini, con delle mamme come voi.

Come nasce questo #StopStoriesAllaGuida? Sono stata zitta per tanto tempo, quando vedevo queste stories semplicemente le saltavo per non farmi divorare dal nervoso o unfollowavo se si ripetevano costantemente.

L’altro giorno, in strada, una bella ragazza con la sua Cinquecento bianca non ha fatto lo stop, zero, è passata tutta tranquilla mentre stava con il telefono in mano e si riprendeva, stories o selfie poco m’importa.

La sottoscritta andava piano ed era attenta, si è fermata per un pelo, con le gambe che tremavano tanto da non riuscire a staccare più il piede dal freno E LEI NIENTE NON SI E’ ACCORTA ASSOLUTAMENTE DI NULLA.

Basta. Questo caz*o di telefono dovete tenerlo in borsa.

Io quelle poche volte che devo guardare il navigatore vado in ansia, non me li spiego i monologhi alla guida.

E passi chi è fermo nel traffico e fa vedere un attimo la canzone che sta ascoltando (che poi detto sinceramente anche lì non ce ne frega nulla, ce la potete condividere pure quando siete la sera a letto), passi che ci fate vedere due secondini un bel panorama (ma io di solito, quando è possibile, accosto un attimo e fotografo il tramonto), ma non vi posso vedere che chiacchierate allegre con quel telefono in mano guardandolo come se non ci fosse una strada.

Ogni giorno ormai in direct ricevo stories di persone “famose” che passano le giornate in macchina a riprendersi. MA CI POTETE RACCONTARE I FATTI VOSTRI DAL DIVANO?

Non farò nomi, non vuole essere una guerra personale, vuole essere un modo per farvi ragionare, per farvi smettere di rischiare la vita degli altri (perché alla vostra vita dovreste pensarci voi).

Fermatevi a riflettere.

Ne vale la pena?

E’ pericoloso, è illegale, è inutile, è una cosa stupida che non vi fa apparire “fighi” sui social come credete.

Ho deciso di “combattere” la cosa in maniera abbastanza semplice per quanto mi riguarda. Le persone cercano “notorierà” sui social? Bene, non appena vedrò una storia di qualcuno che chiacchiera mentre guida SMETTERO’ IMMEDIATAMENTE DI SEGUIRE QUESTA PERSONA, SCRIVENDO IN PRIVATO #StopStoriesAllaGuida.
Ho chiesto a chi mi segue di farlo (e grazie, perché mi mandate tanti screenshot e vedo che lo state facendo, sono immensamente felice e mi sembra una grande vittoria), magari servirà a poco, ma è un punto di partenza. Disincentivare questa pratica a colpi di unfollow.

Molte ragazze che conosco hanno smesso di farle. Vorrei abbracciarle. Grazie per aver capito.

Ho creato questa immagine e la sto condividendo spesso sul mio profilo Instagram:

E invece di prendervela con me o con chi vi fa notare che “non è carino farle”, fatevi un’analisi di coscienza, perché tutti possono sbagliare, ma le persone intelligenti se ne rendono conto e iniziano a migliorare le proprie azioni.

Vi assicuro che è facilissimo:

  • salite in macchina;
  • mettete gli auricolari perché se qualcuno ha bisogno di voi urgentemente vi chiamerà;
  • mettete il cellulare dietro nei sedili posteriori, così evitate distrazioni;

E ve lo dico, la prossima volta che una non fa lo stop per farsi foto-video al telefono e rischia di ammazzarmi io la inseguo, la prendo per i capelli e il cellulare fa un volo dritto dritto fino in Cina.

Ciao.
Con Affetto,
la vostra Giorgia in versione scassapal*e.

Write A Comment