Lo sapete che ho una passione per i libri?

In questo articolo ho deciso di parlarvi della lettura e di consigliarvi dei libri da leggere, alcuni dei miei preferiti, con la mia opinione e senza spoiler, quindi andate tranquilli.

Inoltre ho pensato di appuntare anche i libri che ho “sulla scrivania” (in realtà la maggior parte è in formato e-book per comodità, anche se preferisco la carta) e che leggerò prossimamente, piano piano!

Premessa: NON AMO I LIBRI D’AMORE tutto baci, bacini, bacetti, ti amo, sei la mia vita, ecc.
Dipende molto dal libro, dall’autore, dal modo di scrivere, ma in linea di massima preferisco altri libri, quindi se amate il genere super romantico forse questo mio articolo non soddisferà le vostre esigenze. 

Purtroppo molti li ho dimenticati nel tempo, ho letto veramente molto e per un lungo periodo non ho segnato tutte le mie letture, quindi la mia memoria del cavolo ha rimosso i titoli. 🙁

Da quando ho finito l’università ho letto circa 3 libri al mese, mentre prima, con lo studio di quei mattoni di economia, potevo concedermene meno.

Il mio primo libro l’ho letto finita la prima elementare durante l’estate: Le avventure di Tom Sawyer, poi ho scoperto Harry Potter ed è sbocciato un amore folle (ok probabilmente di tutto questo non ve ne frega nulla, avete ragione, ma è il mio blog, se non le scrivo qui le caz*ate dove lo faccio? Eh, capitemi).

Ah, se avete dei libri da consigliarmi sarò ben lieta di accettare i vostri preziosi consigli, non sono mai sazia quando si tratta di lettura.

Ecco i miei 25 libri preferiti:

1 – Mille splendidi soli – Hosseini

Il libro più bello che abbia mai letto.

Toccante, come tutti i libri di Hosseini (che è il mio scrittore preferito).

Le protagoniste sono Mariam e Laila e siamo in Afghanistan, tra i conflitti che caratterizzano ormai questa terra. L’autore mette in luce soprattutto la situazione femminile nel Paese, prima e dopo la venuta dei talebani; infatti, l’opera è fortemente dedicata a tutte le donne afghane. I temi trattati spaziano dalla guerra fino all’amicizia.

Ve lo consiglio assolutamente, munitevi di fazzoletti.

2 – Il cacciatore di aquiloni – Hosseini

Sempre Hosseini, sempre in Afghanistan. Questa volta si parla dell’amicizia tra Amir e Hassan. Uno benestante, uno povero. Uno figlio del padrone, uno del servo.

Eppure i due ragazzi vanno oltre le differenze sociali e sono legati da una forte e vera amicizia. Amir e Hassan, ogni inverno, partecipano alla competizione aerea che consiste nel far volare il proprio aquilone facendolo rimanere più tempo possibile in volo.

Uno spiacevole episodio li allontana per sempre, ma non voglio dire altro, perché mi auguro davvero che lo leggiate.

E’ bellissimo come i bambini riescano ad “andare oltre” le apparenze e le “regole sociali del luogo”, al contempo ho amato il modo in cui l’autore è riuscito a descrivere il senso di colpa.

3 – L’ombra del vento – Zafòn

Questo autore è molto particolare e ha un modo di scrivere che lo rende unico.

Il libro è ambientato a Barcellona, ci sono stata da poco e mi sono ripromessa di leggerlo.

Un giallo misterioso, un alone di mistero che avvolge tutta la città e i vari personaggi lo rende coinvolgente dall’inizio alla fine. Ho amato la descrizione dei luoghi, in particolare quella del Cimitero dei Libri Dimenticati.

In questo luogo mistico Daniel entra in possesso di un libro “maledetto” che cambierà per sempre la sua vita.

E’ il primo libro di una trilogia, ho letto anche i due seguenti e mi sono piaciuti molto, ma questo resta sicuramente il mio preferito (ho evitato di metterli tutti, ma li consiglio).

4 – Io uccido – Faletti

Un giallo-thriller molto forte che ho divorato.

Faletti ha saputo tenermi attaccata alle pagine del libro dall’inizio alla fine, incredibilmente curiosa sulla soluzione.

Chi è l’assassino? Chi è l’animale che mutila i corpi in quel modo tremendo e riesce a farla franca?

Un agente dell’FBI che è in congedo per aver perso da poco la moglie si ritrova a investigare, partendo dalla stazione della Radio Monte Carlo dove arrivano le telefonate del serial killer.

Anche in questo caso mi fermo qui perché non vorrei darvi inconsciamente indizi sull’identità dell’assassino, soffermandomi a parlare troppo di eventuali personaggi, quindi nel dubbio… non vi dico un bel niente! 🙂

Se vi piace il genere è sicuramente da leggere.

5 -Murata viva – Leila

E’ una storia vera e l’autrice, che si firma Leila, ha preferito restare anonima.

Questo libro mi ha letteralmente spezzato il cuore, mi sono sentita così vicina al dolore della scrittrice che avrei voluto abbracciarla senza lasciarla mai.

Le donne dell’Islam vivono nel terrore, vengono represse, addestrate all’obbedienza e alla sottomissione nei confronti degli uomini e in particolare del marito, tutto ciò per loro è talmente un’abitudine da sembrare quasi normale a un certo punto. Che altro potrebbero fare? Scappare? Dove? Con quali soldi? Con quali mezzi?

Schiave. Ecco cosa sono. Schiave nella loro stessa casa. “Marito” dovrebbe essere sinonimo di “amore”, non di “padrone”.

Questa è la storia di una donna coraggiosa, che è riuscita ad allontanarsi dalla vita tormentata che la stava distruggendo.

Bello, forte, vero.

6 – La verità sul caso Harry Quebert – Dicker

Un giallo bellissimo, da cui è da poco stato tratto un telefilm con il bellissimo Patrick Dempsey (adoro ti amo sposami ma per me sarai sempre Derek ciao).

Come ogni giallo che si rispetti c’è la morte di una ragazza, una giovane, bella ragazza.

Harry Quebert è un famoso scrittore, Marcus è uno scrittore emergente relativamente famoso, pupillo del grande Quebert.

Mio Dio com’è difficile parlare dei gialli senza spoilerare nulla A-I-U-T-O.

Quebert aveva una storia con la ragazza, giura che non l’ha uccisa, Marcus inizia ad indagare, la cittadina infervorata che non vi dico niente, alla fine sembrano tutti colpevoli s’inizia a sospettare anche della nonna morta della ragazza. “Ma era morta prima di lei”, eh ma non si sa mai… ok scherzo, però diciamo che andando avanti nella lettura l’autore è riuscito a ricoprire i vari personaggi di un velo di mistero tanto da farli sembrare tutti possibili assassini.

Insieme a Io Uccido è sicuramente il mio giallo preferito.

7 – L’amica geniale (saga) – Ferrante

Forse non lo sapete ma… la Ferrante è un’autrice misteriosa, questo nome infatti è solo uno pseudonimo che la scrittrice (o forse lo scrittore?) utilizza ormai da 20 anni per tutelare la sua privacy.

Quattro libri che narrano le vicende di Lila e Elena (Lenuccia), nate in un piccolo quartiere napoletano e della loro amicizia altalenante.

C’è l’infanzia, l’adolescenza e si arriva fino all’età adulta.

E’ bello vivere pagina dopo pagina la crescita dei personaggi, sicuramente i primi due libri sono più “leggeri”, quando si arriva all’età adulta inizia a entrare in gioco il fervore politico del tempo e temi più forti rispetto a quelli della giovinezza, ma è giusto così.

Mi piace molto il modo di scrivere e di raccontare dell’autrice, le sue descrizioni dettagliate e “la Napoli” che fa venire fuori.
Non sono riuscita ad “avvicinarmi” alle due protagoniste, sono per me abbastanza antipatiche, anche se sicuramente interessanti.

Elena costantemente insicura e sottomessa a Lila, che è intelligente e fantastica sotto molti punti di vista, ma la trovo spesso cattiva e invidiosa (cosa che non riesco a trovare piacevole nelle persone, seppur fortemente intelligenti). Un’analisi dei personaggi più dettagliata e profonda andrebbe forse a descrivere le due ragazze in maniera diversa, la realtà in cui si ritrovano a crescere le segnerà per sempre, ho tentato di giustificarle in tutti i modi possibili nella mia testa al termine della lettura, ma le ho trovate comunque troppo lontane dalla mia persona.

Questo non toglie assolutamente nulla ai libri, che ho trovato bellissimi, è solo un’opinione personale che mi andava di condividere.

8 – Nel mare ci sono i coccodrilli – Geda

Tratto da una storia vera, che consiglio a tutte le persone che hanno un minimo di “razzismo” in cuore, quelli che: “non sono razzista, ma”, ecco, questo è il libro per loro.

Narra le vicende di un bambino afghano che viene lasciato dalla mamma e si ritrova a viaggiare per salvarsi la pelle.

Le condizioni in cui le persone sono costrette a spostarsi in questi casi sono difficili, davvero difficili. Il modo in cui vengono descritte mi ha fatto riflettere tantissimo e vorrei davvero che questo libro venisse letto da più persone possibili, perché non possiamo neanche immaginare quello che si prova quando non si ha nulla da perdere, se non la propria vita. E allora si rischia, si spera, si parte senza sapere nulla della destinazione d’arrivo, senza sapere se invece arriverà prima la morte (che spesso sembra una soluzione migliore a quella che è la realtà che certe persone sono costrette a vivere).

9 – Amabili resti – Sebold

Un romanzo che ho letto anni fa, ricordo che mi era piaciuto moltissimo, ora non ce l’ho più ben impresso nella mente.

Una ragazzina di 14 anni viene stuprata e uccisa da un uomo che sembra tranquillo e innocuo, solo che non è un vero e proprio giallo, infatti veniamo a sapere fin dall’inizio chi è l’assassino.

I genitori faranno di tutto per scoprire la verità, la bambina è una sorta di angelo custode che resta vicino ai personaggi del libro “dall’alto” dopo la sua terribile morte.

Molto bello, davvero, devo rileggerlo assolutamente.

10 – Se questo è un uomo – Levi

Ho letto questo libro a scuola, dietro consiglio della mia professoressa d’italiano e sono rimasta senza parole.

L’autore racconta il suo arrivo, la sua vita in un campo di concentramento, fino alla liberazione. La sofferenza e il dolore che prova giorno dopo giorno sembrano uscire fuori dalle pagine e toccarti l’anima, davvero.

Forse non è una lettura leggera, ma fa riflettere tantissimo e nel caso non l’abbiate letta vi consiglio di farlo.

11 – Il buio oltre la siepe – Lee

Questo libro invece è stato consigliato da Obama.

Una lettura che insegna ad andare oltre quello che è il colore della pelle, attraverso il racconto del processo tra un uomo di colore e uno bianco in una cittadina in cui il razzismo e i pregiuidizi sono pane quotidiano, il tutto raccontato in prima persona da una donna che al tempo dei fatti è solo una bambina innocente.

12 – Il Codice da Vinci – Brown

Ok tutti abbiamo visto il film, vero?

Va bene, ma non fa niente, il film è bellissimo, ma il libro DOVETE LEGGERLO.

Niente riassunti questa volta, la trama è fitta e penso che un po’ tutti conosciamo la storia.

Parigi, il Louvre, misteri, omicidi, società segrete, insomma, è una bomba!

13 – E l’eco rispose – Hosseini

Ed ecco qui che torna tra noi Hosseini, mi è piaciuto leggermente meno degli altri e ho pensato bene di farvi respirare un po’ parlando prima di altri autori.

Sabur, il protagonista del libro, assieme ai suoi figli sta compiendo un viaggio verso Kabul, durante il percorso si presagisce la presenza di un pensiero oscuro che segnerà la famiglia.

Questo libro è un misto di amore, passione, dolore, sacrificio, coraggio che Hosseini racconta come solo lui sa fare.

Ogni capitolo tratta personaggi in momenti differenti e inizialmente mi sono trovata un po’ spaesata nella lettura, ma alla fine unendo i vari tasselli si ottiene un bellissimo puzzle.

14 – Fidanzati dell’inverno – Dabos

Un libro fantasy che mi hanno consigliato dicendo: “se ti è piaciuto Harry Potter devi leggere questo” e in effetti mi è piaciuto moltissimo, è solo il primo di una saga e non vedo l’ora di leggere gli altri mano a mano che verranno tradotti in italiano (è appena uscito il secondo, fremoooo, lo leggerò prestissimo).

Un universo magico composto da arche, ognuna con caratteristiche differenti.

Ofelia, la protagonista, viene da Anima e può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti semplicemente toccandoli.

Si ritrova promessa sposa al nobile Thorn e dovrà trasferirsi in un’altra arca chiamata Polo. Ma perché hanno scelto proprio lei? Quale mistero si cela dietro a questa scelta?

Ok inizio a sembrare un trailer di Netflix, basta, se vi piace il mondo magico, con una buona dose di mistero, ve lo consiglio.

15 – L’alchimista – Coelho

Ho iniziato a leggerlo una volta anni fa e mi sono bloccata quasi subito nella lettura. L’ho messo da parte e l’ho ripreso in mano dopo un po’.

La seconda volta è stata quella buona, mi è piaciuto moltissimo questo libro.

L’alchimista è un’opera che invita il lettore a inseguire i propri sogni, anche quelli che sembrano più irrealizzabili e a non lasciarsi influenzare dalla crescita che lo porterà alla fatidica età adulta, quell’età per cui si è soliti pensare che i desideri più intimi siano irraggiungibili. Diventa quindi significativo il viaggio che il giovane pastore Santiago affronta per realizzare il suo sogno e arrivare alla ricchezza sognata, percorrendo un cammino difficile e ricco di ostacoli.

16 – Come trattare gli altri e farseli amici – Carneige

L’ultimo libro che ho letto, perché?

Perché per il lavoro che faccio sono sempre a contatto con la gente e nell’era digitale le relazioni sono spesso fugaci.

Stavo attraversando un periodo in cui ero abbastanza “scontrosa” nella vita reale e mi stavo allontanando anche nel mondo virtuale dalle persone che mi seguono.

Adoro chiacchierare, raccontarmi, ascoltare, eppure nell’ultimo periodo sembrava così difficile avere rapporti. Ecco che mia sorella mi ha consigliato questo libro e mi è piaciuto moltissimo.

I consigli che l’autore dà sono veri e ottimi, inoltre le pagine sono ricche di esempi concreti e pratici da cui prendere spunto per migliorarsi.

La comunicazione è FONDAMENTALE nella vita, questo libro aiuta a relazionarsi non solo dal punto di vista lavorativo, ma anche nei rapporti umani quotidiani.

17 – Innocente – Grisham

Siamo davanti alla vera storia di Ron Williamson, condannato a morte per un crimine che non ha commesso, costretto a passare 12 anni nel braccio della morte e a sfuggire per un pelo a quel destino che la giustizia americana aveva scelto per lui.

Anche questo l’ho letto anni fa ed è rimasto impresso nella mia mente in maniera indelebile, una storia avvincente che sembra quasi frutto della fantasia dell’autore tante sono le atrocità e le sofferenze che Ron subisce negli anni, invece no, è tutto vero.

18 – Siddharta – Hesse

Uno di quei libri che nella vita bisogna leggere.

Sono da sempre curiosa delle culture che sono lontane dalla mia, mi affascinano i modi e le usanze diverse.

Siddharta è la storia idealmente ispirata alla vita di Siddharta Gautama, il Buddha storico, che però non ne è il vero protagonista. La trama infatti racconta le vicende di un giovane, una sorta di Buddha potenziale, mentre il “vero” Siddharta è presente soltanto sullo sfondo e viene chiamato Gotama.

Si va alla ricerca di qualcosa che alla fine gira e rigira è dentro di noi, bisogna prima di tutto conoscere se stessi per rispondere a tutte le domande e arrivare alla felicità.

19 – Orgoglio e pregiudizio – Austen

Un grandissimo classico della Austen che ho trovato forse un po’ lento, anche se la storia mi è piaciuta.

Diciamo che da una che ama i gialli e i colpi di scena non potete aspettarvi questo libro a inizio classifica, ma sicuramente merita di essere letto ed è un capolavoro. Ricordiamoci che è un libro che è stato scritto a inizio dell’1800 eh.

Nella famiglia Bennett ci sono un sacco di figlie e a quei tempi la cosa importante era una: ti dovevi sposare.

Protagonista è in modo particolare Elizabeth e la trama segue lo svilupparsi del suo rapporto con Mr. Darcy.

Una storia d’amore che, dopo drammi e inseguimenti vari, cerca di sconfiggere l’orgoglio e i pregiudizi.

20 – Venuto al mondo – Mazzantini

I personaggi vengono descritti in maniera meravigliosa dalla Mazzantini in una Sarajevo ferita.

Il romanzo racconta la storia una storia d’amore appassionata, un po’ imperfetta, ma estremamente vera, tra ragazzi che oggi sono invecchiati.

Gemma si reca con il figlio Diego a Sarajevo per assistere alla mostra fotografica della sua vecchia fiamma, nonché padre del ragazzo, che non ha mai conosciuto a causa della morte sopravvenuta indirettamente per la guerra, lasciando a Roma suo marito.

Questo è l’inizio del racconto. La storia è abbastanza fitta e non voglio raccontare troppo, c’è tanto amore e tanto dolore.

A mio parere è il più bel libro della Mazzantini.

21 – I Promessi Sposi – Manzoni

Beh, qui penso ci sia da dire poco, uno di quei libri che quando te lo fanno leggere a scuola dici: “che palle” e invece è un capolavoro meraviglioso che vi consiglio di rileggere, almeno in quelli che sono i tratti principali.

Veramente bello.

Come pure la Divina Commedia, non possiamo lasciarli su uno scaffale a prendere la polvere una volta finita la scuola.

Crescete, aspettate e quando vi sentite pronti riprendete in mano questi libri e leggeteli per conto vostro.

22 – Il sentiero dei nidi di ragno – Calvino

Siamo negli anni della Resistenza, il protagonista è Pin, un bambino orfano che, isolato dai coetanei, vive con la sorella Rina, una prostituta detta La Nera. Non ha amici della sua età ed è spesso a contatto con il mondo adulto, visto attraverso il suo sguardo ingenuo, tipico dei bambini.

Il ragazzo ruba la pistola di un militare nazista mentre questo è a letto con la sorella, sperando di ottenere l’approvazione e la fiducia dei partigiani, che invece non danno troppo peso alla sua impresa.

Pin, offeso della cosa, va a nascondere la pistola in un posto segreto, dove “fanno il nido i ragni”, da qui s’intrecciano le vicende con altri personaggi e alla fine il protagonista riuscirà forse a conoscere il vero significato della parola amicizia.

23 – Storia di una ladra di libri – Zusak

Ho letto il libro solo dopo aver visto il film, cosa che odio, ma che vi devo dire.

Chiaramente leggere è sempre meglio di guardare, almeno per quanto mi riguarda.

Parla della toccante storia di una bambina che s’innamora della lettura in un periodo difficile che è quello della Seconda Guerra Mondiale.

Inizialmente ciò che la spingerà a rubare sarà solo la necessità e la fame: il suo bottino infatti consiste in qualche semplice mela, ma poi il vero, prezioso oggetto dei suoi furti saranno i libri, perché rubarli significa salvarli (salvarli per esempio dai roghi dei nazisti), e soprattutto salvare se stessa.

24 – Io prima di te – Moyes

Anche questo libro è arrivato solo dopo aver visto il film, ma è di gran lunga mooooooolto più bello!

Triste e toccante, al contempo la protagonista sa essere ironica e divertente nonostante la situazione difficile di Will, costretto su una sedia a rotella a causa di un incidente.

Due persone diverse: una piena di vita, l’altra che ormai non ha più voglia di vivere, s’incontrano in una situazione difficile e da qui sboccerà un amore.

Ok non mi piacciono molto i romanzi rosa, ma questo mi ha fatto piangere e non potevo lasciarlo fuori dalla mia classifica.

25 – 1984 – Orwell

Molto bello, anche se l’ho trovato abbastanza pesante nella lettura.

Interessante e suggestivo, mi ha messo un po’ d’ansia addosso. Avete presente il Grande Fratello? Ecco, l’idea nasce proprio da questa opera di Orwell proiettata nel futuro.

Il Grande Fratello guarda, sente e controlla tutto, ogni persona, grazie a telecamere e microfoni affinché nulla esista se contro il Partito, che si basa su principi fondamentali totalitari.

Mi fa pensare un po’ a Black Mirror, angosciante è dire poco, ma al contempo apre la mente e penso che tutti debbano leggerlo almeno una volta nella vita.

 

Ora vi lascio l’elenco dei PROSSIMI LIBRI che leggerò, mi sono stati consigliati principalmente su Instragam e sono felice di consigliarli a mia volta:

  • Avrò cura di te – Gramellini, Gamberale
  • Fai bei sogni – Gramellini
  • Le assaggiatrici – Postorino
  • La casa senza finestre – Hashimi
  • Due splendidi destini – Hashimi
  • Finché le stelle saranno in cielo – Harmel
  • Marina – Zafòn
  • Il giorno prima della felicità – De Luca
  • L’ultima riga delle favole – Framellini
  • Il codice dell’anima – Hillman
  • Il cavaliere d’inverno – Simons
  • Quando la notte è più luminosa – Hashimi
  • La fidanzata perfetta – Hamilton
  • Resto qui – Balzano
  • Nel guscio – McEwan
  • Il Paese delle stelle nascoste – Yalda
  • In un milione di piccoli pezzi -Frey
  • Il labirinto degli spiriti – Zafòn
  • Tre figlie di Eva – Shafak
  • Isola di neve – D’Urbano
  • Il quaderno di Maya – Allende
  • Io sono Dio – Faletti
  • Divorare il cielo – Giordano
  • L’ educazione – Westover
  • L’assassinio del commendatore – Haruki
  • Il figlio del secolo – Scurati
  • Il gioco del suggeritore – Carrisi
  • Mio fratello rincorre i dinosauri – Mazzariol
  • La felicità arriva quando scegli di cambiare vita – Giordano
  • La casa degli spiriti – Allende
  • L’uomo che metteva in ordine il mondo – Backman
  • Il quadro mai dipinto – Bisotti (iniziato, ma messo in pausa, molto piacevole all’inizio)
  • Le vostre zone erronee – Dyer
  • Metodo Mindfulness – Williams, Penman
  • Il potere del cervello quantico – Pentimalli, Marshall
  • La trappola della felicità – Harris
  • Niente e così sia – Fallaci
  • La figlia del mercante di fiori – Nunn
  • L’amico ritrovato – Uhlman
  • Per dieci minuti – Gamberale
  • Io, te e il mare – Sicignano
  • La resa dei conti – Grisham
  • Patria – Aramburu
  • Serotonina – Houellebecq
  • Gli scomparsi di Chiardiluna – Dabos
  • Senza mai arrivare in cima – Cognetti

Spero che questo articolo possa essere utile.

Attendo vostri consigli per tenere aggiornata la mia lista delle “prossime letture”.

Con Affetto,
Giorgia.

Write A Comment