Una guida “alternativa” per chi visita Londra.

Cosa fare a Londra? Dove andare? Dove mangiare? Qual è il comune denominatore che lega tutte queste domande?
La bellezza.
I posti “più belli” e fotogenici di Londra che ho trovato!

Avete presente quel ristorante bruttino ed economico in cui si mangia da Dio?

Bene, dimenticatelo, qui entriamo nel regno delle frivolezze e quindi vi parlo dei posti BELLI, fotogenici, instagrammabili (termine che fa incaz*are tutti, ma io boh, “petaloso” sì, “instagrammabile” dovete ca*are il cavolo), che: “da casa mi sentite? Aiuto, mi ricaricate la PostePay che ho preso due pezzi di torta e un cappuccino e ho finito lo stipendio?”. No dai, scherzo (o forse no).

Ora metto in standby l’Alberto Angela che è in me e mi butto a capofitto nell’articolo più fru fru della storia.

Dimenticate i musei e spostate la mente su fiorellini, cibo colorato, posti da visitare al tramonto e viste mozzafiato (scusate, scusate davvero).

In realtà sono già stata a Londra una volta come turista e ho visitato le zone più importanti, ho visto il cambio della guardia a Buckingham Palace, il Big Ben (quando non era chiuso per ristrutturazione) e tante altre cose tipiche che chi non è mai stato qui non può assolutamente perdersi.

Questa volta ho deciso di dedicarmi principalmente alle foto e al cibo, detto sinceramente.

Ho preparato la valigia come una vera influencer: vestiti scomodi e fotogenici, qualcosa di comodo perché ok tutto molto bello ma non scherziamo io ho sempre freddo e voglio le scarpe comode, zaino dove nascondere le cose comode nel momento delle foto, tacchi alti che mai indosserò per passeggiare e cambierò per strada, fotografo portatile.

Passaggio IMPORTANTISSIMO: vi auguro di avere un fidanzato (chiamasi Instahusband) con la passione per le foto perché viaggiare con chi non vi fa le foto è l’incubo della vita, vere e proprie crisi nascono da questo eh.
Io ho l’amico da mettere in valigia in questi casi. Grazie Alessio Dandi, sei l’amico che tutte le blogger vorrebbero (quindi tutte le foto sono merito suo).

Se cercate altro non fa niente, continuate a leggere, ché una pausa tra una visita al museo e l’altra dovrete pur farla, no? Oppure una foto bellina da mettere sui social come ricordo? Ecco, a quel punto VI AIUTO IO.

Iniziamo dal motivo della mia partenza:

Una collaborazione con City Relay.

Cercate un bell’appartamento in cui dormire durante il vostro soggiorno a Londra?

City Relay fa al caso vostro, questo portale infatti si occupa di gestire molte proprietà nei vari quartieri londinesi! La qualità del servizio è top: pulizia impeccabile, assistenza 24 ore su 24, biancheria di alta qualità. Se vi piace “sentirvi a casa” quando viaggiate questa è la soluzione che fa al caso vostro.

Io ho alloggiato in un appartamento bellissimo e a pochi minuti dalla stazione metropolitana, in una delle zone più famose e rinomate di Londra, a Kensington.

Di seguito una foto super spontanea di me che annuso fiori sul balconcino…

Ok, ora io, Giorgia Di Basilio, cercherò di mettere in pratica le mie capacità di sintesi (AHAHAHAHAHAH ossimoro che può essere battuto solo da “Giorgia inizia la dieta”) e vi illustrerò dove andare e cosa fare durante una mini-vacanza a Londra.

La metro è collegata benissimo e potete raggiungere comodamente quasi ogni zona da visitare a Londra.

Le scale mobili vanno lasciate libere sulla sinistra, questo è non è un consiglio, MA UN AVVERTIMENTO. I londinesi ci tengono tantissimo e s’incaz*ano eh, c’hanno fretta, dovete lasciare loro lo spazio per correre come Batman quando doveva inseguire i nemici, non sia mai raga, a sinistra no. State buoni e spiaccicati sulla destra.

Cosa fare a Londra?
  • cambio della guardia a Buckingham Palace, ci sono gli orari online ed è mo
    Negozio di lanterne a Camden Town

    lto carino;

  • giro a Camden Town, è una delle zone più strane e alternative di Londra, troverete i negozi con i vestiti e le scarpe più brutte della storia, tatuatori in ogni angolo che solo a vederli vi verrà voglia di disinfettarvi tutti e farvi un bagno nell’Amuchina, piercing stranissimi che se ve li appendete alle orecchie probabilmente qualche giorno dopo ritroverete i lobi fino alle ginocchia e ci potrete palleggiare nei momenti di noia, ma soprattutto tanti mercatini che vendono di tutto. E’ uno di quei quartieri che visiterò ogni volta che mi capiterà di andare a Londra, non è mai banale e lo street food è pazzesco!
  • vi direi di andare nelle vicinanze del Big Ben quando suona la campana, ma è chiuso e muto fino al 2021 per dei lavori di ristrutturazione, quindi rimandate questo appuntamento al prossimo viaggio futuro;
  • passeggiate sul Tower Bridge e aspettate il tramonto;

  • amanti di Harry Potter? Andate al Binario Nove e 3/4 a King’s Cross e spingete il carrello, c’è anche un negozio di articoli dedicato al famoso maghetto, ma attenti che dal comprare una cosina al dover vendere un rene per pagare è un attimo;
  • giro tra le case colorate a Notting Hill. Avete visto il film? Vi assicuro che rivederlo dopo aver visitato questo quartiere lo renderà ancora più bello! Ecco, questo è uno di quei momenti in cui bisogna tirare fuori la macchinetta fotografica e farvi immortalare mentre passeggiate; 
  • salire sullo Sky Garden al tramonto o di sera, a Fenchurch Street, la vista è spettacolare, ma l’ingresso è limitato e bisogna prenotare;
  • voglia di shopping? HarrodsSelfridges e tanti altri centri commerciali sono lì pronti per voi;
  • Piccadilly Circus, che in sostanza è un incrocio, ma ci sono dei maxi schermi per le pubblicità che rendono questa zona bella e caratteristica e spesso ci sono artisti di strada che cantano, suonano o creano vere e proprie opere d’arte a terra;
  • sicuramente il British Museum non potete perderlo, ma io non ci sono mai stata e me ne vergogno tantissimo (un buon motivo per tornare a Londra, vediamola così);
  • la Cattedrale di St. Paul è un’altra meraviglia, se volete potete salire sopra, ma spero abbiate fatto un sacco di lezioni di step in palestra perché ci sono tipo due milioni di scalini da salire e non vi forniscono nemmeno una bombola d’ossigeno quando entrate, mah, non è normale, no?;
  • sapete che c’è la ruota panoramica più grande del mondo? Il giro sulla London Eye è sicuramente un’altra cosa che mi pento di non aver fatto e che mi costringerà a tornare a Londra molto presto;
  • ma nulla e dico nulla è paragonabile al tormento interiore che provo ogni volta che penso che non ho visitato gli Studios di Harry Potter, non ho avuto tempo e soffro tantissimo.
Dove mangiare a Londra? Cercherò di creare una sorta di ordine in base ai luoghi e alle zone così da aiutarvi a sceglierli in base ai tour che decidete di fare.
  • dopo un bel giretto a Notting Hill, tra case e mercatini dell’antiquariato, vi verrà fame, me lo sento. Ho trovato un posticino piccolo, accogliente e che fa cibo ottimo tramite Instagram che mi ha lasciata piacevolmente sorpresa. Si chiama The Dayrooms Café e qui ho mangiato uno dei croissant salati più buoni della mia vita! Un brunch perfetto, ve lo consiglio;

View this post on Instagram

Dopo una mattinata a #NottingHill mi sono fermata per un brunch al @thedayroomscafe e mi sono innamorata di questo posticino! 😍 Ora ho una BELLA NOTIZIA PER VOI 🎉 venerdì con un semplice commento potrete vincere un viaggio! ✈️ Un giveaway semplice semplice in cui basterà seguire 2 profili (e non 1861mila che ti passa la voglia di partecipare) e commentare la foto. Non amo queste cose e li rifiuto sempre, eppure questa volta non ho potuto farne a meno perché mi sembrava davvero una cosa carina e semplice da “regalare” a chi mi segue. E altra cosa ancora più bella (giustamente 😂): partirò anche iooo! Ma vi spiegherò tutto in maniera più dettagliata nei prossimi giorni nelle stories. 😘 Buona giornata a tutti! . Ph.: @alessiodandi 📸

A post shared by Giorgia Di Basilio (@giorgiadibasilio) on

  • dopo un giro per negozi a Oxford Street c’è bisogno di un dolcetto, no? Qui vi consiglio un locale super fotogenico tutto rosa e con le pareti piene di fiorellini: l’Elan Cafè. Io ci sono stata per un evento di Guerlain durante la Fashion Week e mi sono innamorata di questo posto. Non ho ordinato alla carta e immagino che i prezzi siano abbastanza elevati, ma tutto ciò che ho assaggiato all’evento era ottimo, quindi direi che ne vale la pena. Al mio ritorno a Londra sicuramente mi concederò una bella colazione qui;

  • la colazione prima della partenza è stata la più fotogenica di tutte, dove? Al Saint Aymes, l’ho raggiunto in metro e non so se vicino c’è qualcosa d’importante da visitare, io ci sono andata appositamente dopo essermi innamorata della vetrata pieeeena di fiori e del cibo instagrammabile.
    Ma il bello è che all’interno troviamo altre due pareti con fiori diversi da sfruttare per le nostre foto, loro c’hanno capito tutto ragazzi. Qui regna la pace, sul sito si legge che è un posto “poco adatto ai bambini” poiché ci sono infissi delicati e che se i genitori decidono di portarli devono restare buoni buoni seduti al proprio posto (se avete dei bambini vivaci ahimè, ve lo sconsiglio vivamente). Non particolarmente simpatiche le cameriere, ma chi se ne frega insomma, non ci dobbiamo mica uscire a cena, ho preso un Unicorn Latte rosa (se vi piacciono i sapori dolci ve lo consiglio, l’ho trovato squisito) e una torta coloratissima, davvero buona;

View this post on Instagram

Oggi vi do il #buongiorno con la colazione più pink della storia al @saintaymes di #Londra😍 Ora sono tornata nel mio caro Abruzzo dove la cosa più instagrammabile al bar (e specifico al bar, non ho detto che l’Abruzzo fa schifo, la gente ha problemi di comprendonio, mi tocca come sempre specificare, aggiungo che è una battuta) è il tovagliolino Lavazza e gli unici fiorellini che si vedono mentre fai colazione sono quelli degli indiani che: “sciao bela compra una rosa solo scinque euro”. Voglio vivere in un mondo instagrammabile. 🙄😂 Ah, a breve scriverò l’articolo sul blog sui miei giorni a Londra e pubblicherò il vlog (che è tutto merito di @alessiodandi) che sarà interamente dedicato al cibooo 😍 Buona giornata 🌸

A post shared by Giorgia Di Basilio (@giorgiadibasilio) on

  • spuntino particolare nella zona di China Town? Vi consiglio il Bubble Waffle super farcito di Bubblewrap. Guardate che carino!

  • So che ora è anche a Milano, ma la prima volta che ho assaggiato gli hambuger di Five Guys ero a Londra quindi per me resta “una cosa di Londra”, sono buonissimi, se volete fare una cena veloce lasciate stare il McDonald e andate a provare i loro panini e le loro fantastiche patatine fritte. Qui vi fanno pagare “il bicchiere” e poi potete riempirlo con le bevande a volontà tutte le volte che volete;

Ok mettiamo la parola “fine” a questo articolo. Sto letteralmente morendo di fame, ora mi tocca andare a cena fuori, scusa petto di polo, dopo tutto questo parlare di cose buone non me la sento di averti per cena.

Scherzi a parte, trovo Londra davvero bellissima, particolare, mai banale e caratteristica.

Se non ci siete mai stati vi consiglio di recuperare e regalarvi almeno 3, 4 giorni di vacanza in questa capitale unica al mondo.

Vi lascio anche il link del Vlog di Alessio su YouTube in cui ci sono io che mi abbuffo ogni 10 secondi circa.

Con Affetto,
Giorgia.

 

2 Comments

    • giorgiadibasilio Reply

      E invece siamo sempre super best friends foreva!

Write A Comment