Non ho mai amato le esagerazioni, che si tratti della moda, delle persone o della vita in generale.
Trovo che chi abbia bisogno di “troppo” per farsi notare, alla fine non sia poi così unico e speciale come vorrebbe.
La gente tende a voler strafare, soprattutto quando si tratta di occasioni importanti, finendo con il cadere nella trappola del “pacchiano”, che è tutt’altro che di classe.

Avete presente quelle tipe che alle cerimonie indossano di tutto e di più? Le scarpe con i fiocchetti, il cappello con i fiori, il vestito con le balze e pizzi e merletti e le stampe leopardate e chi più ne ha più ne metta? Mi lasciano ogni volta sconcertata.
Io me le immagino queste che la mattina aprono l’armadio, spengono la luce e ci si buttano dentro. “VEDIAMO QUANTE COSE ORRIBILI RIESCO A METTERE INSIEME”.
Vi assicuro che basta l’abito giusto, qualche accessorio e un bel sorriso.

Oggi vi parlo di un brand la cui nuova collezione di abiti e vestiti da cerimonia mi ha lasciata senza parole: Liu Jo.

Un sogno, ecco cos’era fino a poco tempo fa per me la Thailandia. Poi Made, come la fata madrina per Cenerentola, ha trasformato il sogno in realtà e mi ha portata a scoprire questa terra lontana per dieci giorni (in chiave moderna, perché a dodici ore su una zucca-carrozza abbiamo preferito l’aereo).

Ora devo prendere i ricordi e cercare di trasformarli in parole, ma anche le più belle sembrano non rendere giustizia a tutte quelle meraviglie in cui mi sono imbattuta.

Ma da dove cominciare? Ho amato quei templi maestosi, in cui il silenzio sembra raccontare una storia, il verde non mi è mai sembrato così intenso e le persone, beh, loro devono essere frutto di un incantesimo.

Guida su cosa fare, cosa vedere, dove mangiare e dove alloggiare durante un viaggio a Vienna.
Ma soprattutto dove scattare le foto da FASHION BLOGGER (scopo della vita di tutti insomma).

Non sono una guida turistica, in realtà questa è una pagina di diario dei giorni belli trascorsi a Vienna con Martiipal (Martina Palma, my love forevah) in cui vi racconto quello che abbiamo fatto, vi consiglio cosa fare e cosa non fare.

Tra le tendenze della primavera/estate 2018 troviamo sicuramente i colori pastello, bellissimi e allegri danno gioia ai negozi durante lo shopping. Non ho potuto fare a meno di innamorarmene ancora di più nell’ultimo periodo. Vi assicuro che non sono “da bambina”, non sono solo per una giornata in spiaggia e da riporre nell’armadio per tutto il resto dell’anno. I rosini, i giallini e gli azzurrini si possono indossare anche in occasioni più formali o “importanti”. Ho deciso di girare un video e portarvi a fare shopping con me per scoprire insieme le tendenze pastello di questa stagione e parlarvi un po’…

Come descrivere la mia Surf Week a Taghazout con tre parole? Condivisione, divertimento, avventura. Ma più che altro è un’esperienza di vita. Sono partita la settimana di Pasqua con lo staff di Surf Week, un gruppo di ragazzi giovani, competenti, allegri e dinamici che fa venire voglia di preparare uno zaino e partire nel giro di 2 minuti. Dopo una lunga chiamata con Alessandro (uno degli organizzatori), in cui mi è stato spiegato per bene tutto (ma proprio TUTTO), ho capito che dovevo mettere da parte un attimo le mie certezze, staccare la spina e trovare il coraggio finalmente per…

Nozze in vista? Idee e consigli sull’outfit da indossare quando non si è semplicemente invitate a un matrimonio, ma si ha un ruolo importante: quello della testimone di nozze!
Nel mio articolo cerco di darvi qualche spunto sul vestito da indossare, che sia di giorno o di sera, che sia estate o inverno.

Il look è importante, deve essere elegante, per niente volgare, non troppo appariscente, ma neanche anonimo, l’obiettivo è farsi notare con stile.

Bisogna stare al fianco della sposa senza rubarle la scena. Serve un abito che dica: “mi sono fatta bella per te, per il tuo giorno”.
Impossibile? Naaaa tranquille, basta qualche piccolo accorgimento.

Ciao a tutte,

quanto è bella la super confezione di rossetti di Sephora? I colori passano dai classici a quelli meno convenzionali (lilla, blu, viola, nero, ecc.) per le ragazze che vogliono dare un tocco di brio alle proprie giornate (o vogliono fare le foto per Instagram).
Alcuni hanno una durata molto lunga (quelli sui toni del rosa e del rosso), altri vanno via più facilmente (il nero e i nude). La maggior parte sono mat, alcuni metalicc o crema, ne abbiamo per tutti i gusti!
Lasciano le labbra molto morbide.
I miei preferiti sono:

Quali tacchi comprare? Come indossarli anche se non è un’occasione speciale? I tacchi di giorno sono esagerati?

Noi donne spesso abbiamo un problema e questo problema si può riassumere con una parola: scarpe.
Compriamo scarpe come se fossimo dei millepiedi, nemmeno se vivessimo per 342 anni avremmo modo di consumarle tutte, le nostre belle scarpe (la ripetizione è rafforzativa). Ogni occasione è la scusa buona per fare shopping e ampliare la nostra collezione.

Se nei film vediamo le donne in carriera correre allegramente per le strade di New York sul tacco 13 parlando al cellulare e guardando le vetrine da noi sembra una cosa quasi surreale. In primis spesso ci sono i sampietrini maledetti, se questi mancano ci sono delle buche ogni 2 metri che se ci cadi dentro devono chiamare i pompieri per tirarti fuori (se tutto va bene ti sloghi la caviglia), nel mio caso il problema è (oltre chiaramente quello di sopravvivere e tornare a casa con le gambe intere) come indossarli nelle “giornate comuni”?

Invitate alla Laurea, non temete!
Quale look indossare alla laurea dell’amica? Outfit per una Laurea in Medicina? Come essere perfette alla laurea di vostra sorella? Gonna o pantalone? Tacchi o scarpe basse?

Queste sono alcune delle domande che spesso ronzano in testa a chi viene invitata a una laurea e non vuole peccare di banalità, ma al contempo ha paura di osare troppo e vivere una giornata di disagio.

Basta poco per sembrare un gelataio!
Come indossare un look total white e in quale occasione?
Un look tutto bianco è elegante e bellissimo, però al contempo può essere davvero difficile da indossare.

Questo colore tende a mettere particolarmente in risalto le curve, se ci sono dei chili di troppo da nascondere bisogna prestare attenzione ai capi e ai modelli che si scelgono, ecco perché le ragazze formose spesso e volentieri guardano scettiche i colori chiari e si buttano a capofitto sul nero.
Eppure questo “problema” potrebbe rivelarsi davvero utile e da sfruttare!

Vorrei una “festa delle donne” vera.
Vorrei non dover più vedere donne sfigurate dall’acido, con la faccia e il cuore deturpati per sempre.
Vorrei un mondo in cui i mariti colgono un fiore per ricevere in cambio un sorriso dalle proprie mogli, non uno in cui queste finiscono sotto terra e con i fiori sulla tomba per colpa di uomini, dei loro uomini, della loro insana gelosia, della loro follia.
Un mondo di donne fiere e belle, felici e dagli occhi accesi, dove non esiste violenza domestica e la casa è fatta di risate, di discussioni (perché anche quelle possono esserci) e di ore a letto a fare l’amore per far pace.

La festa delle donne è oggi giorno?

Non mi sembra, ma spero davvero che prima o poi lo sarà davvero. Quando non ci sarà più un solo Paese al mondo in cui le donne verranno trattate come schiave, vendute come oggetti di seconda mano, date in mogli a 12 anni a sconosciuti di 40, quando l’infibulazione sarà solo un triste ricordo di una barbarie e non farà più parte del presente, quel giorno io sarò fiera di noi esseri umani e festeggerò davvero.

Non serve prendere un volo e fuggire dall’Italia per rilassarsi su una spiaggia da sogno!
Facciamo un salto in Calabria!
Ho scoperto l’Hotel Eden Village (Capo Vaticano) l’estate passata e ho trascorso qualche giorno a godermi il sole e la spiaggia privata che viene messa a disposizione per i clienti.
Avete mai sentito parlare della “Costa degli Dei“? Dopo esserci stata posso dire che questo nome non mi stupisce e non avrei saputo sceglierne uno migliore: il mare è cristallino e limpido di un turchese che sembra un tutt’uno con il cielo, le spiagge sono bianche e si respira la pace.